Ubuntu.. Stiamo perdendo colpi?

Ho abbandonato Windows da molti anni ormai… Più di dieci e senza rimpianti.

Inizialmente ho usato Linux Debian, poi  ho deciso di passare ad Ubuntu, che mi garantiva un sistema più aggiornato e “friendly”… E decisamente stabile, almeno per un uso casalingo.
Purtroppo nelle ultime releases, questa affermazione mi sembra sempre meno vera.

Unity ha portato una massa di problemi, errori, blocchi, che sono durati anni. Solo di recente si sono ridotti, ma non sono scomparsi.

Ad Ottobre 2013, con Ubuntu 13.10 ha smesso di funzionare Glade, il designer di interfaccie grafiche per GTK, molto diffuso tra gli sviluppatori Linux, non certo una applicazione esoterica per pochi eletti.
La cosa peggiore è che non si limita a qualche malfunzionamento, ma ha un SEGFAULT e crasha brutalmente.
Ci sono state segnalazioni di vari utenti sui forum Ubuntu, ma nessuna patch ufficiale ad oggi (almeno per la versione compatibile GTK2)! Eppure gli Sviluppatori di Glade a Settembre 2013 avevano già corretto il problema (ver. 3.8.4). Ubuntu 13.10 è uscita con la vecchia versione 3.8.0, e sembra che pure Trusty (Ubuntu 14.04)  sarà bloccata a questa versione.

Altro bug particolarmente odioso, sempre con Ubuntu 13.10, è il mancato riconoscimento della tastiera usb in fase di boot (non è presente il modulo OHCI adeguato nel ramdisk di boot).
Volevo aggiornare il mio mediacenter con una Ubuntu 13.10 “minimal” partendo da zero, ma ho preferito rinunciare ed aspettare la 14.04 LTS.

Ovviamente delle soluzioni si trovano, sia per il primo che per il secondo problema, ma sono ingarbugliate e fastidiose da implementare.